Home Italia L’intervento di apertura del Presidente Draghi al Global Health Summit

L’intervento di apertura del Presidente Draghi al Global Health Summit

49
0

Dear Ursula,
Dear Colleagues, 
Ladies and Gentlemen,

Welcome to the Global Health Summit. 

It is a pleasure to host you – if only virtually – here in Rome 

The Covid-19 pandemic has devastated our societies. 

More than 3.4 million people have died officially because of the virus – but the death toll is certainly much higher. 

Last year, the equivalent of 255 million full-time jobs were lost globally – around four times those lost during the financial crisis. 

At least 1.5 billion students were out of school in March last year. Close to 700 million students are still not receiving an education in person today.

The global crisis is not over. We must act fast or else these human, economic and social costs risk climbing further significantly.

In Europe we have responded in a forceful and coordinated way.

Our doctors and nurses have assisted thousands of patients, often in overcrowded hospitals. 

My gratitude goes to them for their selfless service, which has cost many of them their lives.

Our governments and central banks have launched successive rounds of fiscal and monetary stimulus, which have certainly helped to save jobs and prevent unnecessary bankruptcies. 

Our scientists have developed a number of effective vaccines at an unprecedented speed.

We are rolling them out fast, starting with the elderly and the most fragile, and guaranteeing them freely to everyone. 

After a year and a half, we are starting to see the end of this tragedy.

For the first time, normality is looking nearer.

Unfortunately, in many other areas of the world, the pandemic shows no sign of abating. 

The differences in the vaccination rates are staggering. 

Close to 1.5 billion doses of vaccines have been administered in over 180 countries worldwide. 

Only 0.3% of them are in low-income countries, while richer countries have administered around 85% of them. 

Not only are these disparities unacceptable.

They are also a threat. 

So long as the virus continues to circulate freely around the world, it can mutate dangerously and undermine even the most successful vaccination campaign.

We must make sure that vaccines are more available to poorer countries. 

It is essential that we allow the free flow of raw materials and vaccines across borders. 

The EU has exported about 200 million doses of Covid-19 vaccines to 90 countries – roughly half of its total production.

All states must do the same. We must lift blanket export bans especially to poorer countries.

Regrettably, many countries cannot afford to pay for these vaccines.

That’s why initiatives such as the ACT Accelerator are so important. 

So far, Italy has given 85 million euros to COVAX and a further 30 million to related multilateral projects.

Now, Italy is pledging today 300 million more for poor countries for vaccines and 200 more for climate and health in poor countries.

I am very glad to announce today that this week we plan, as I said, to increase significantly the contribution.

We must also help low-income countries, including in Africa to manufacture their own vaccines.

We will likely need multiple rounds of vaccination in the future – and boosting production is essential. 

One suggestion is to introduce a patent waiver on Covid-19 vaccines.

Italy is open to this idea, so as far as it is targeted, time-limited and does not undermine the incentive of pharmaceutical companies to innovate. 

I understand that Ursula has another idea, which is also very innovative and – perhaps, in perspective – more realistic.

But this proposal does not guarantee that low-income countries are actually in the position to manufacture their own vaccines.               

We must support them financially and with specialised know-how.

Italy welcomes the initiative from the European Commission aimed at manufacturing vaccines and health products in low- and middle-income countries. 

We want to engage our pharmaceutical companies and our research centres to help production, particularly in Africa. 

And we will do so alongside other partner countries, including France and Germany.

Again, we have today a pledge that goes to 50 million doses before the year end for low-income countries, so we can join other partners in vaccines donation.

But our plan for low-income countries must move beyond the immediate health response. 

On top of the staggering loss of human lives, the present crisis has taken a heavy toll on economic opportunities, education systems and social infrastructure.

The risk is that vaccine inequality will lead to greater income inequality.

I think it has already led to income inequality.

Italy has endorsed a four-point strategy to help the world’s most fragile countries. 

Allocating Special Drawing Rights, to support the balance of payments of countries in need.

Replenishing early the IDA, the International Development Association.

Encouraging Multilateral Development Banks to enhance their net financing activities.

And suspending temporarily debt-service payments to shield countries in need.

Italy has been one of the countries hit first and hardest by the pandemic.

We have learnt our lessons and we want to put them to good use.

As Presidency of the G20 we want to lead the global push to design better global responses to the current and future health crises. 

I very much welcome our debate today and I look forward to hearing you all.

Thank you.

***

Cara Ursula,
Cari colleghi,
Signore e signori,

Benvenuti al Global Health Summit.

È un piacere ospitarvi – anche se virtualmente – qui a Roma

La pandemia da Covid-19 ha devastato le nostre società.

Più di 3,4 milioni di persone sono morte a causa del virus secondo i dati ufficiali, ma il bilancio delle vittime è sicuramente molto più alto.

L’anno scorso, l’equivalente di 255 milioni di posti di lavoro a tempo pieno sono andati persi a livello globale, pari a circa quattro volte quelli persi durante la crisi finanziaria.

Almeno 1,5 miliardi di studenti non avevano frequentato la scuola nel marzo dello scorso anno. Circa 700 milioni di studenti, ancora oggi, non ricevono un’istruzione in presenza.

La crisi globale non è finita. Dobbiamo agire in fretta, altrimenti questi costi umani, economici e sociali rischiano di salire ancora in modo significativo.

In Europa abbiamo risposto in modo energico e coordinato.

I nostri medici e infermieri hanno assistito migliaia di pazienti, spesso in ospedali sovraffollati.

La mia gratitudine va a loro per il loro servizio così altruista, che è costato la vita a molti di loro.

I nostri governi e le nostre banche centrali hanno avviato diversi cicli di stimoli fiscali e monetari, che hanno contribuito a salvare posti di lavoro e prevenire fallimenti indesiderati.

I nostri scienziati hanno sviluppato una serie di vaccini efficaci, con una velocità senza precedenti.

Li stiamo somministrando velocemente, iniziando dagli anziani e dai più fragili, e garantendoli gratuitamente a tutti.

Dopo un anno e mezzo, stiamo iniziando a vedere la fine di questa tragedia.

Per la prima volta, la normalità si avvicina.

Purtroppo, in molte altre aree del mondo, la pandemia non accenna a diminuire.

Le differenze nei tassi di vaccinazione sono sconvolgenti.

Sono state somministrate quasi 1,5 miliardi di dosi di vaccini, in oltre 180 paesi in tutto il mondo.

Solo lo 0,3% di queste si trova in paesi a basso reddito, mentre i paesi più ricchi ne hanno somministrate quasi l’85%.

Queste disparità non sono solo inaccettabili.

Sono anche una minaccia.

Finché il virus continua a circolare liberamente in tutto il mondo, può mutare pericolosamente e compromettere persino la campagna di vaccinazione di maggior successo.

Dobbiamo assicurarci che i vaccini siano più disponibili per i paesi più poveri.

È essenziale consentire la libera circolazione di materie prime e vaccini oltre i confini.

L’UE ha esportato circa 200 milioni di dosi di vaccini Covid-19 in 90 paesi, circa la metà della sua produzione totale.

Tutti gli stati devono fare lo stesso. Dobbiamo revocare i divieti generalizzati di esportazione, soprattutto nei paesi più poveri.

Purtroppo, molti paesi non possono permettersi di pagare questi vaccini.

Questo è il motivo per cui iniziative come ACT Accelerator sono così importanti.

Finora l’Italia ha donato 86 milioni di euro a COVAX e altri 30 milioni a progetti multilaterali collegati.

Oggi sono molto lieto di annunciare che, questa settimana, intendiamo aumentare in modo significativo questo contributo e incrementarlo almeno di 300 milioni di euro.

Dobbiamo anche aiutare i paesi a basso reddito, compresa l’Africa, a produrre i propri vaccini.

Probabilmente avremo bisogno di più cicli di vaccinazione in futuro, e aumentare la produzione è essenziale.

Una proposta è quella di introdurre una sospensione dei brevetti sui vaccini Covid-19.

L’Italia è aperta a questa idea, in modo mirato, limitato nel tempo e che non metta a repentaglio l’incentivo ad innovare per le aziende farmaceutiche. So che Ursula ha un’altra idea, che è anch’essa molto innovativa e che – in prospettiva – è più realistica.

Ma questa proposta non garantisce che i paesi a basso reddito siano effettivamente in grado di produrre i propri vaccini.

Dobbiamo sostenerli finanziariamente e con competenze specializzate.

L’Italia accoglie con favore l’iniziativa della Commissione Europea volta a produrre vaccini e prodotti sanitari nei paesi a basso e medio reddito.

Vogliamo coinvolgere le nostre aziende farmaceutiche e i nostri centri di ricerca per sostenere la produzione, in particolare in Africa.

E lo faremo insieme ad altri paesi partner, tra cui Francia e Germania. Di nuovo, oggi abbiamo un impegno che arriva fino a 50 milioni di dosi entro la fine dell’anno per i Paesi a basso reddito, cosicché possiamo unirci agli altri partner nelle donazioni di vaccini.

Ma il nostro piano per i paesi a basso reddito deve andare oltre la risposta sanitaria immediata.

Oltre alla sconvolgente perdita di vite umane, l’attuale crisi ha avuto pesanti ripercussioni sulle opportunità economiche, sui sistemi educativi e sulle infrastrutture sociali.

Il rischio è che la disuguaglianza nell’acceso ai vaccini porti a maggiori disparità di reddito.

L’Italia ha promosso una strategia in quattro punti per aiutare i paesi più fragili del mondo.

Allocare diritti speciali di prelievo, per sostenere la bilancia dei pagamenti dei paesi bisognosi.

Rifornire rapidamente l’Associazione Internazionale per lo Sviluppo.

Incoraggiare le banche multilaterali di sviluppo a potenziare le loro attività di finanziamento netto.

E sospendere temporaneamente i pagamenti relativi al rimborso del debito per proteggere i paesi bisognosi.

L’Italia è stata uno dei paesi colpiti per primi e più duramente dalla pandemia.

Abbiamo imparato le nostre lezioni e vogliamo metterle a frutto.

Nella veste di presidenza del G20, vogliamo guidare la spinta globale a progettare migliori risposte globali alle crisi sanitarie attuali e future.

Accolgo con grande favore la nostra discussione odierna e non vedo l’ora di ascoltarvi tutti.

Italiano
Tipologia Pagina: 
Intervento
Immagine in Evidenza: 
Codice video Youtube: 
Pbga8AU_-Qs

Clicca qui per consultare la fonte della notizia